Saltar al contenido

COVID19: Por qué el número diario de muertos sigue siendo tan alto?

Ya he discutido con ustedes que los datos más fiables para estudiar el progreso de esta maldita epidemia es el número de muertes (https://www.facebook.com/francesco.pilolli.5/posts/2522416741351886)
Las muertes de hoy reflejan el número de infectados 13-15 días anteriores (5-6 días de incubación + 8-9 días después de que los pacientes se vuelvan críticos; datos de la literatura).
Esperaba un aumento exponencial en los casos hasta que 9-10 marcha y el consiguiente aumento exponencial de las muertes hasta 12-25 Marzo y así fue.
Lo que no esperaba es que el número se estabilice a valores tan altos, Esperaba una disminución gradual en casos y muertes, Pero, Desafortunadamente, no era así.
Come mai?
Se il numero di morti giornaliero si è stabilizzato vuol dire che si è anche stabilizzato il numero di contagi dopo il 9-10 marzo.
Ammettendo una letalità stimata nell’1.14% (HTTPS://www.ispionline.it/…/coronavirus-la-letalita-italia-…) vuol dire che nei giorni successivi al 9-10 marzo abbiamo avuto circa 70-90000 nuovi casi reali al giorno.
Indipendentemente dal numero esatto di casi giornalieri, quello che si può supporre dai dati è che lo stile di vita degli italiani avuto tra il 10 e il 16 marzo causa 600-900 morti al giorno, decisamente troppi.
Se le mie supposizioni sono corrette, non vedremo una significativa differenza fino agli effetti dell’ultimo decreto e quindi fino al 6-7 Aprile e dopo vedremo solo una lieve riduzione dei morti giornalieri

Cosa possiamo fare?
Rassegnarsi ad un numero così alto di morti non mi sembra un’opzione ragionevole.
Per ridurre i morti possiamo lavorare su due fronti:
-1 migliorare il trattamento dei malati
-2 ridurre il numero di contagi

Migliorare il trattamento dei malati
Purtroppo noi Medici abbiamo poche armi, le risorse sono sature, la sopravvivenza dei pazienti in terapia intensiva è deprimente (meno del 50% da Letteratura, HTTPS://covid19.cdc.gov.sa/…/Risk-Factors-Associated-With-A…).
Le nostre terapie intensive italiane sono in grado di salvare al massimo 2000-4000 pazienti al mese, 60-120 pazienti al giorno (2-3 settimane di ventilazione meccanica, 50% di mortalità in terapia intensiva, 3000-5000 posti disponibili; calcolo a spanne ma orientativo dell’ordine di grandezza)
In attesa di nuove cure, i farmaci attuali possono migliorare un filino la situazione ma, di sicuro, non possono offrire un impatto significativo sulla letalità.

Ridurre il numero dei contagi
Si può ancora limare qualcosa sulla riduzione dei rapporti inter-umani, chiudere ancora qualche azienda-fabbrica, sensibilizzare maggiormente la popolazione, ottimizzare l’accesso ai servizi essenziali ma, a fronte di sacrifici importanti, non mi aspetto un fortissimo beneficio.
C’è un’altra strada? Forse.
Forse si può lavorare assiduamente all’identificazione ed isolamento degli affetti e degli asintomatici/paucisintomatici.
La ricerca deve essere importante, impegnativa e l’isolamento deve essere un vero isolamento.
Y’ l’unica altra opzione che io vedo per far calare il numero di morti giornaliero e mi sembra anche la via con il migliore rapporto costo-beneficio (costi importanti purtroppo)

E aspettare l’immunità di gregge?!
Non faccio l’epidemiologo di professione ma, dai miei studi, ricordo che l’immunità di gregge si raggiunge solo con una percentuale di popolazione immune molto alta (sempre ammesso che l’infezione dia un’immunità permanente).
Ma quanto alta? La percentuale è in funzione della contagiosità dell’infezione e il COVID-19 è estremamente contagioso, mi aspetterei una percentuale prossima al 99%, sicuramente superiore al 95%. Vorrebbe dire avere oltre 500000 morti in Italia al raggiungimento dell’immunità di gregge.

Nell’attesa di una cura veramente efficace l’unica opzione che vedo come possibile è quella di mantenere un contenimento un popiù serrato di quello attuale, cercare ed isolare i casi ad ogni costo e fare il possibile sul territorio e negli ospedali per salvare il salvabile.

Sono sempre aperto al dialogo e spero che qualcuno trovi altre opzioni.